ECOBONUS 110%: chi può richiederlo e con quali requisiti

ecobonus 110

Il 19 maggio 2020 è entrato in vigore il Decreto Legge 34, il cosiddetto Decreto Rilancio che prevede, tra le altre cose, un super ecobonus 110% di detrazione delle spese sostenute per lavori di miglioramento dell’efficienza energetica.

In particolar modo, l’art. 121 del decreto prevede la possibilità di cessione del credito: questo significa che la detrazione del 110% delle spese documentate può essere trasformato in sconto in fattura oppure in credito d’imposta immediatamente cedibile “ad altri soggetti, ivi inclusi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari”. Scegliendo questa opzione, il cliente non sarà tenuto a pagare in anticipo le spese sostenute per poi recuperarle negli anni tramite detrazione, ma potrà quindi attualizzare immediatamente il credito a cui avrebbe diritto.

Su quali lavori si può applicare l’ecobonus 110%?

Requisito fondamentale è che i lavori effettuati migliorino l’efficienza energetica di almeno 2 classi (o che il miglioramento raggiunto sia il massimo possibile).

Questi lavori sono:

  • la creazione di un cappotto termico (isolamento termico) per almeno il 25% delle pareti dell’edificio;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione già esistenti utilizzando nuovi impianti centralizzati di riscaldamento;
  • interventi anti sismici.

In base alla tipologia di lavori previsti dall’ecobonus, deriva che:

Chi può usufruire dell’Ecobonus 110%?

Le categorie di beneficiari sono ben specifiche, innanzi tutto parliamo unicamente di condomini e di persone fisiche, quindi non aziende e non attività commerciali, tranne Iacp (Istituti Autonomi Case Popolari), associazioni anche sportive non a scopo di lucro e cooperative sociali.

Per quanto riguarda le persone fisiche, l’immobile interessato deve essere una prima casa e deve essere già esistente (non di nuova costruzione).

Qualche esempio:

Ho un appartamento in condominio, se ristrutturo il appartamento ho diritto all’ecobonus 100%?

No. La ristrutturazione deve essere fatta da tutto il condominio e deve includere almeno uno degli interventi citati, quindi o lavori di creazione del cappotto termico su almeno il 25% dell’edificio, o lavori di sostituzione caldaia condominiale o lavori antisismici.

Ho una villetta singola cui abito, ho diritto al bonus se effettuo i lavori di miglioramento energetico?

Sì.

Ho una villetta singola che ho dato in affitto o che uso come seconda casa, posso richiedere il bonus?

Sì. È possibile usufruirne fino a due unità immobiliari.

Ho una seconda casa in un condominio; il condominio ha deliberato i lavori di isolamento termico o sostituzione caldaia, ho diritto al bonus?

Sì.

La sostituzione degli infissi rientra nell’ecobonus 110%?

Dipende. Se viene fatto unicamente questo tipo di intervento, la risposta è no. Ciò non toglie però che sarà possibile accedere al bonus di detrazione fiscale del 50% con credito d’imposta recuperabile in 10 anni.

Se invece la sostituzione degli infissi viene effettuata in abbinamento ai lavori sopra indicati, allora sì, rientrerà nell’ecobonus 110% e lo stesso dicasi per la sostituzione della schermature solari (tende da sole e persiane) e per l’installazione di impianti fotovoltaici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *