Guida alle migliori porte blindate – I parte

Migliori porte blindate

Se siete alla ricerca delle migliori porte blindate e dell’eccellenza tra i portoni d’ingresso antieffrazione, ecco una mini-guida che vi aiuterà a valutare gli elementi distintivi di un serramento esterno di qualità, per la sicurezza vostra, dei vostri famigliari e dei vostri beni.

Resistenza allo scasso

Prima di capire come funzionano le certificazioni di sicurezza, cerchiamo di comprendere quali sono i requisiti minimi che ogni porta blindata deve avere. Il primo scopo di una porta d’ingresso blindata è quello di tenere fuori i malintenzionati e di salvaguardare la sicurezza delle persone e delle cose che sono all’interno dell’abitazione. Oltre al tipo di forzatura manuale classica (scassinamento), dunque, le porte devono essere testate nella loro resistenza al carico dinamico e al carico statico, per prevenire ogni forma di forzatura.

Come valutare la resistenza allo scasso delle porte blindate

Qual è il livello di sicurezza più adatto per la nostra casa? Per capire meglio qual è la migliore protezione specifica in funzione del contesto abitativo, ma soprattutto per affidarsi a prodotti certificati, è possibile fare riferimento ad alcune garanzie che certificano il rispetto degli standard minimi di prestazione e il livello di resistenza allo scasso, di stabilità e sicurezza che caratterizza ogni infisso: parliamo della marcatura CE e delle classi antieffrazione.

La marcatura CE

Una norma europea obbliga tutti i produttori di serramenti esterni alla marcatura CE (ottenuta a seguito di certificazioni ufficiali relative alla corrispondenza del prodotto alle Direttive Comunitarie UE) e alla dichiarazione delle prestazioni attraverso un’etichetta. Questo ci permetterà di valutare la resistenza allo scasso di porte, portoni e portoncini d’ingresso antieffrazione e di confrontare le performance dei diversi prodotti.

Classi antieffrazione

La resistenza all’effrazione è certificata secondo la norma europea ENV 1627, sulla base della quale viene classificata ogni porta blindata. Maggiore sarà la classe antieffrazione assegnata, più alto sarà il coefficiente di resistenza all’effrazione. Si individuano 6 classi antieffrazione differenti: dalla classe 1, che fornisce una protezione minima, alla classe 6 per una protezione massima indicata per banche, gioiellerie o ambienti militari. Le classi 3 e 4, in particolare, sono quelle indicate per case indipendenti, ville, o appartamenti condominiali.

Posa in opera realizzata ad arte

Ma per massimizzare gli effetti delle caratteristiche di sicurezza e donare una lunga vita alla vostra porta d’ingresso, sarà anche fondamentale che la posa in opera del serramento venga effettuata da tecnici esperti, secondo le buone prassi di un’installazione a regola d’arte.

Se volete sapere quali sono gli altri elementi che contraddistinguono le migliori porte blindate sul mercato, da valutare nella scelta della vostra nuova porta d’ingresso, continuate a leggere la  di Baltera.