Infissi a taglio termico: ecco una semplice prova per distinguerli dagli altri

infissi taglio termico, come riconoscerliTaglio termico è divenuto quasi un mantra che ogni rivenditore recita dopo aver parlato di isolamento degli infissi. Come si riconosce un infisso a taglio termico e come si può distinguere dalle altre tipologie di infissi.

Per capire quali sono i dettagli che ci permettono di riconoscere una finestra o una porta-finestra con infisso a taglio termico, ritorniamo sul concetto e sulla funzione di taglio termico.

Cosa significa taglio termico

Con questa modalità costruttiva degli infissi si fa riferimento a quei profilati le cui due sezioni (quella che dà verso l’interno e quella che dà verso l’esterno) sono isolate per evitare ponti termici strutturali, rendendo il serramento termicamente (e acusticamente) inefficiente. I due elementi vengono, dunque, separati da un elemento a bassa conduttività termica. Una precauzione particolarmente indicata per le finestre e le porte finestre in materiali metallici (come quelle con infissi in alluminio).

È un infisso in alluminio a taglio termico? Scopriamolo con una semplice prova

Abbiamo visto qual è la prova da effettuare per riconoscere un vetro basso emissivo. Andiamo ora a vedere come è possibile distinguere un infisso a taglio termico da un infisso classico.

Aprendo un’anta della finestra in alluminio, osservare con attenzione lo spessore dell’infisso: qualora si noti un elemento palesemente non in metallo (solitamente appare come un listello in materiale plastico), si è in presenza di un profilato a taglio termico.

La caratteristica sarebbe più evidente potendo osservare la sezione dell’infisso: i due componenti del profilato (lato interno e lato esterno) risultano separati da uno o più strati di materiale termo-isolante (come il poliammide).